(Riflessioni) Il muro (the wall)

All in all you're just another brick in the wall.


inthewall.jpg
Quante cose che si possono fare con un muro….

Abbiamo un muro,
cosa ne facciamo?
Qualche volta possiamo usarlo per proteggerci.
Proteggerci dagli altri.
Come si sta bene dietro a questo muro, dove non si deve spiegare niente a nessuno, dove non ci sono regole, dove non ci sono impegni, dove non ci sono responsabilità. Qui si può essere ciò che si vuole e si può pensare che là fuori, là dietro, nessuno ci capisce.
Il muro allora diventa una barriera che ci divide dagli altri.
Ma cosa facciamo tutti soli e abbandonati dietro a questo muro?
Adesso allora dobbiamo inventarci qualcosa.
Ci viene in mente che possiamo scriverci sopra. Faremo finta che il muro possa darci delle risposte. E allora scriviamo domande e poi scriviamo risposte. Iniziamo a parlare con lui e iniziamo a farlo parlare con noi.
Alla fine ci accorgiamo che abbiamo imparato a dialogare con noi stessi. Così non ci sentiamo più tanto soli dietro a quel muro….
E poi? Adesso che il muro è pieno di scritte, cosa ne facciamo?
Lo cancelliamo.
Ma con le scritte se ne va anche l'intonaco e restano solo i mattoni.
Così ci ritroviamo a guardare questi mattoni e ci accorgiamo che anche quelli sono pieni di scritte: sono nomi. I nomi delle persone che ci circondano, delle persone che ci vogliono bene. Pensavamo di essere soli dietro a quel muro, ma le persone che ci amano sono sempre state lì, accanto a noi.
C'è anche il tuo nome su quel muro.

A me piace pensare che siamo tanti mattoni nel muro.
I mattoni sono tutti uguali. Hanno tutti la stessa importanza, vanno tutti nella stessa direzione e hanno tutti lo stesso scopo.
C'è chi pensa di poter fare a meno degli altri mattoni del muro, ma tolto il muro il mattone da solo cade.
C'è chi pensa che gli altri possano fare a meno di lui, ma tolto lui il muro è brecciato. I mattoni intorno alla breccia sono costretti a supportare un peso maggiore e, alla fine, il muro, crolla.
La verità è che abbiamo bisogno degli altri mattoni e gli altri mattoni hanno bisogno di noi.
Ogni mattone contribuisce in egual misura a far in modo che il muro non cada.
Non è semplice trovare sé stessi nel muro della vita. Ma il nome di ciascuno è scritto su uno di quei mattoncini: c'è uno spazio per tutti, il muro siamo noi.

Adesso quindi abbiamo un muro. Cosa ne facciamo?

(Tiziana, scritta a Maggio '09)

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License