Puzzle

Il nostro nome, il nostro progetto:

Ho un vago ricordo di un bambino accarezzato e viziato e di mia madre che mi diceva: “tutto passerà”. Tutto è passato, anche la mia vita sta passando, visto che sono figlio di un tempo ormai troppo lontano per ricordarmene e ho la barba bianca a far da contorno a ciò che la vita fa: il suo corso.
Ho continuato a crescere cercando di prendere il codino. Anche se le giostre cambiavano ogni volta, il codino era sempre lo stesso e il giostraio, ormai, mi conosceva molto bene, non sono più riuscito a fregarlo, anzi è lui che ha fregato me.
Ancora una volta credevo di aver vinto, sono addirittura diventato istruttore di paracadutismo, ma, pur essendo un esperto nel campo, non sono stato capace di far planare la mia vita.
Credevo di essere immortale e indistruttibile, e mi dicevo: “la sigaretta? Quando voglio smetto! Comando io (bugia!)”. Le ho usate per quaranta anni. Oggi è diverso, è quasi un anno che ho smesso di fumare senza nessun particolare motivo, se non che un giorno mi sono sentito ridicolo a fare il gesto di portare la sigaretta alla bocca per fare l’ennesimo tiro.
Tante volte abbiamo la sensazione di non poter fare altro. In realtà noi siamo liberi di scegliere, ma fino ad ora abbiamo scelto di non essere liberi.
Ritengo che ognuno di noi ha qualcosa di bello o di brutto racchiuso dentro: una nicchia che non vuoi esporre a nessuno, anzi col tempo cerchi di proteggerla, creandogli attorno una corazza.
Quando un uomo riesce a ricostruire quei ricordi legati al profumo del rosmarino vuol dire che sta imparando a sciogliere la crosta; significa che gli è tornata la voglia di dividere con gli altri i luoghi della sua memoria..... È strano, eppure il torrone lo facevano buonissimo anche quando ero piccolo. Ora mi chiedo: perché non ne ricordo il sapore? Forse per continuare a sfidare tutti e tutto mi sono perso un pezzo di film.
Un uomo senza progetto non produce nulla e non lascia nulla.
Per coltivare il nostro progetto dobbiamo ricordare l’obiettivo, ma se vogliamo mantenere la rotta dobbiamo soprattutto concentrarci sul passo che stiamo per compiere.
E’ importante avere un buon metro per misurare la qualità dei nostri risultati senza confonderci.

Autore: Bruno De Matteis, Mario Di Domenico, Genti Arben, Bruno Turci.

…dove ogni frase è frutto di un racconto di vita e ogni vita è un pezzo di un progetto più grande che stiamo costruendo insieme. Abbastanza grande da poter soddisfare anche Walter.

CostruireMondo
Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License