Farsi racconto, farsi terreno

Dall'incontro a Opera del 29 luglio 2009

Una funzione dell'individuo è la capacità di fare diventare la propria esperienza un racconto stimolante e nutriente da consegnare ad un interlocutore.

Un'altra funzione è la capacità di costruire dentro di sé lo spazio per ospitare l'umanità del racconto che ti viene offerto. Queste due competenze consentono di vivere esperienze di benessere.

In questo periodo sento il piacere di parlare con le persone per sentirmi plasmare e coinvolgere in giochi nuovi. Mi piace divertirmi e contribuire a far divertire, in un gioco infinito, dove non ci sono persone che lottano per qualcosa che credono sia la più importante. L’importante è farsi coinvolgere e farsi plasmare con emozioni positive, lasciando dietro di sé il dolore e l’angoscia e tutte le cose che ti tolgono dal gioco.
Enzo Martino

Oderzo.JPG

Quando non siamo capaci di ospitare racconti e abbiamo scarsa attenzione nel formularne uno nostro che faccia venire voglia di essere ascoltato, viviamo dei malesseri. La mancanza di queste due esperienze produce un vuoto, un dolore, una povertà tale da spingerci a trovare un modo per compensarle.

Il sipario si apre, la tensione è al massimo, nessuno del pubblico c’incoraggia con un applauso, lo show non è gradito. Con tacita violenza obblighiamo i presenti ad assistere allo spettacolo privo d’inviti, senza limiti d’età. L’ultimo atto si è concluso. Soddisfatti per la riuscita, ognuno torna a casa propria. Le maschere, i costumi, l’attrezzatura e il copione tornano nel loro angolo tenebroso, nell’attesa della prossima innaturale funzione per cui verranno cinicamente adoperati.
Vito Cattaneo

Finecorsa.JPG

Nella nostra esperienza, è rintracciabile una correlazione tra il restringimento dello spazio perché queste due funzioni possano esprimersi e la ricerca di forme di appagamento inebrianti?

Add a New Comment
or Sign in as Wikidot user
(will not be published)
- +

Torna alla pagina degli Intrecci di Livia
Torna alle pagine di Livia

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License